.
Annunci online

sia questo il tempo
Fà la cosa giusta ...
post pubblicato in Diario, il 23 settembre 2008


Milano - Castelvolturno andata e ritorno.



"Do the Right Thing" di Spike Lee, 1989




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 23/9/2008 alle 1:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
personale ...
post pubblicato in Diario, il 19 settembre 2008




Antonio Di Gennaro 
napoli 26.7.1923  -  19.9.2002


(Nella foto mio padre nel periodo  Hollywoodiano)






Quadro I

Scorreva
L’immagine
di mio padre.
Avvolto
In una camicia
fresca di bucato
e la cravatta scura
sollevata dal vento.

…poi l’avvento degli occhiali
lo strappò al mondo proletario.


Quadro  II

Antonio usciva di casa all’alba,
quando era ancora buio,
aveva una bici nera,
vecchia, dal telaio arrugginito,
una di quelle bici massicce, indistruttibili…
e filava a velocità sostenuta nell’alba,
lungo il percorso che portava al “Cantiere Unico”,
attraversando strade dai nomi antichi :
via Enea, via Eurialo, via Lavinia, via Ascanio…
poi la piazza, e che piazza!
La più bella del mondo, con due bar, uno di fronte all’altro :
il “Varriale” e “La fonte del gelo”.
La bicicletta di Antonio andava, senza un cigolìo,
vecchia ma ben oliata,
il fanale illuminava tratti d’asfalto,
quante bici a quell’ora,
drappelli di operai,
silenziosi,
volti assorti,
andavano a guadagnarsi
un futuro inenarrabile…
intermittenze di luci,
ora smorzate,
ora più vive,
ora
ondeggianti…


Quadro  III

Se mio padre
avesse avuto gli occhi azzurri…
Se al posto di due caverne,
avesse avuto due polmoni
e ragionevoli respiri
e gesti,
imprevedibili,
imperdonabili,
onnipotenti
come un Dio.

Se fosse stato,
mio padre,
operaio ed angelo,
grasso unto nero
e talco insieme.
Voce sommessa
e pacca
al culo di mia madre…
Perdio !!

Quadro  IV 

Moriranno i nostri padri
nel mezzo della nostra vita,
impavidi,
come sempre
(anche nella viltà),
i corpi
loro
immensi,
devastati
da lenzuola intrise di sudore.
Moriranno
I nostri padri
e lasceranno
altri padri
a smarrirsi increduli
…a studiare
ancora
con diligenza
la buona lezione
.

Quadro  V

E ancora
I padri muoiono,
diventano
brevi ed impercettibili
narrazioni
ai margini
di un pranzo di Natale.

E dopo
la loro morte
devono attendere
non poco…
prima di essere
sdoganati
all’aneddoto divertente…
prima che,
dall’alto
del mistero
di quella morte,
facciano
piazza pulita
dei nostri
miseri
sensi di colpa.




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 19/9/2008 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sospeso ...
post pubblicato in Diario, il 16 settembre 2008




Franco lastraioli  "Notte magica"

ANNUS MIRABILIS

I rapporti sessuali ebbero inizio
nel millenovecentosessantatre
(piuttosto tardi per me) -
Tra la fine della censura di Chatterley
e il primo LP dei Beatles.

Fino ad allora c'era stato soltanto
una sorta di patto,
una baruffa per l'anello,
un senso di vergogna che cominciò a sedici anni
e si diffuse in ogni cosa.

Poi il diverbio di colpo svanì:
tutti ci sentivamo uguali
e ogni esistenza divenne
un favoloso en plein;
un gioco in cui non si può perdere.

Così la vita non fu mai migliore come
nel millenovecentosessantare
(sebbene un po' troppo tardi per me) -
Tra la fine della censura di Chatterley
e il primo LP dei Beatles.

Philip Larkin




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 16/9/2008 alle 20:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
La mia casa ...
post pubblicato in Diario, il 10 settembre 2008


 


Umberto Bianchini : " Assenza di colore".

La mia casa è un porto di mare … tutta sabbia fine e delicata a Modena … da Viale Gramsci, dove abito, fino in piazza Grande … la sera venti di scirocco  … profumi di alghe, di muschio adagiato sugli scogli levigati dalle onde …
A casa mia attraccano uomini e donne con gli sguardi sperduti, dispersi …
Storie all’ epilogo, al finale culminante, storie ormai consumate nella girandola delle offese, insolenze, irrisioni ….
E ognuno costruisce con minuziosa accortezza la propria tesi, il proprio enunciato, si raccolgono prove, verifiche, accertamenti, testimonianze …
Poi ripartono uomini e donne … salpano … al largo li perdo di vista mentre il bagliore dell’ascensore scompare …




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 10/9/2008 alle 20:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
i have a dream.
post pubblicato in Diario, il 6 settembre 2008




La guerra in Vietnam tira ancora negli USA, il candidato che ha fatto fuori un po’ di vietcong o e’ stato prigioniero qualche anno ( va bene anche qualche mese … ) dei musi giallo-rossi ha una marcia in più …. c’è poco da fare …
Voglio però trasferire la partita in altra direzione, altro terreno :
I gusti musicali di Obama e McCain.

A Barack Obama piace :

Bruce Springsteen - "I'm on fire"
The Rolling Stones - "Gimme shelter"
Frank Sinatra - "You'd be so easy to love"
Aretha Franklin - "Think"
U2 - "City of blinding lights"

A John McCain piace:


ABBA - "Dancing queen"
ABBA - "Take a chance on me"
The Beach Boys - "Good vibrations"
Louis Armstrong - "What a wonderful world"
Frank Sinatra - "I've got you under my skin"
The Platters - "Smoke gets in your eyes"

Scontata la preferenza in comune di Frank Sinatra, scontata quella di “colore” di Obama per la Franklin,
The boss, gli Stone e U2 testimoniano la giovane età dell’afro-americano.
Il vecchietto McCaine si rammenta ancora di “The Beach Boys” e
“The Platters” … eccellente scelta !!
Immancabile il jazzista nero, buono per tutte le stagioni … a chi non piace Louis ?

E poi un classico … gli ABBA … con “Dancing Queen” e “Take a chance on me” … tutto ok visto il clamoroso e strepitoso rientro del gruppo nelle classifiche di oggi .
Peccato però .. già peccato … il vecchio esperto McCain … poco furbo … non sa .. che gli Abba avevano un pezzo di grande successo “ I have a dream” ….poteva essere un buon colpo citarlo … gli americani stanno attenti a ste’ cosine qui.
Chissà forse sarebbe apparso troppo ingenuo ….

Noi siamo di quelli che si ostiniano ancora a fare sul sistema americano analisi definite oggi “poco moderniste” … comunque al di là degli schieramenti ci piacerebbe molto vedere alla vittoria finale un nero, già un uomo dalla pelle sfacciatamente nera … poi si vedrà.

P.S.

Quando cominceranno a scarseggiare i reduci del Vietnam ( per invalicabili limiti di età ) come si farà … accidenti … e un po’ come quelli che hanno fatto la resistenza qui da noi   che ormai diminuiscono a vista d’occhio …
…e sinceramente penso che il livello qualitativo di gnocco e tigelle  ai  ristoranti delle feste del …. non so come chiamarle … ex unità per capirci … inizierà a  calare sensibilmente …




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 6/9/2008 alle 2:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CARTACEO.
post pubblicato in Diario, il 3 settembre 2008



" Wall V. 42" , opera di Clay Ketter.


E’ ancora caldo qui a Modena …. e fare un post diventa quasi faticoso.
Durante la settimana conservo articoli di giornale con l’intento di leggerli poi, più attentamente,
con calma.
A distanza di giorni molti di questi scritti mi appaiono poi  superflui prolissi, ridondanti, straripanti,
p e s a n t i …
allora procedo ad una sintesi assolutamente personale, un sommario raccapricciante
che serve essenzialmente a liberarmi di tanta carta accumulata ….

Il grembiulino sarà sicuramente bianco per le femminucce e blu
per i maschietti ? ( o nero …?).
C’è qualcuno che ha finalmente capito cosa fanno per vivere Velardi e Polito ?
E il Riformista quante copie vende al giorno ?

Poi la cosa diventa più seria … un articolo di Curzio Maltese su “La rabbia” il film
di Pasolini ricostruito da Giuseppe Bertolucci come lo voleva il regista.
Leggo alcuni pensieri di P.P.P. su :

l'immigrazione.

"Dobbiamo accettare distese infinite di vite reali che vogliono con innocente ferocia
entrare nella nostra realtà".

sul potere  (oggi leggi : Bush, Berlusconi, Putin eccetera.).

"La classe padrona della ricchezza, giunta a tanta dimestichezza con la ricchezza da
confondere la natura con la ricchezza. Così perduta nel mondo della ricchezza da confondere
 la storia con la ricchezza. Così addolcita dalla ricchezza da riferire a Dio l'idea della ricchezza".

Non male.



"Into my arms" , Nick Cave.




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 3/9/2008 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
canzunett'
post pubblicato in Diario, il 1 settembre 2008


 



Mentre nelle feste del P.D. si litiga se cantare l’internazionale o l’ave maria di Schubert … L’ inno dei lavoratori o biancofiore ….il Borghezio ci passa la dritta .
"L’inno di Mameli è troppo funereo e dunque per la Padania va bene “Và pensiero” … perbacco ! ... e poi ancora :  "Dalla Padania in giù “Funiculì, Funiculà, mi sembra più che adatto …!!" ...

Modena non è in  proprio in  Padania ( ai margini, alle porte )  ...  quindi avrei scelto questa versione :




permalink | inviato da pasqualedigennaro il 1/9/2008 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
calendario
adv